c

L’Associazione Gruppo Danza Forlimpopoli ASD da oltre vent’anni offre una scelta di attività legate al movimento sotto la guida di insegnanti qualificati.

1-677-124-44227 184 Main Collins Street, West Victoria 8007 Mon - Sat 8.00 - 18.00, Sunday CLOSED
Follow Us

Donna Selvaggia su Dance Magazine

La danza è per tutti; non importano età o provenienza.

Qui sotto la traduzione dell’articolo dedicato a Donna Selvaggia sul magazine dell’Imperial Society of Teachers of Dancing, buona lettura:

 

Questa visione eterogenea caratterizza il lavoro di Giulia Coliola che, diplomata Licentiate all’ISTD, prepara agli esami le ragazze e le alunne della sua scuola.

Giulia è direttrice artistica e coreografa di Donna Selvaggia, un gruppo di ballo che abbraccia diverse generazioni. Le età variano dai 17 ai 45 anni e comprendono tutte le allieve di Giulia e alcune ballerine di danza popolare del Sud Italia per contaminare la propria arte con uno stile più contemporaneo.

Le donne fanno spesso notizia, purtroppo, in quanto vittime di violenza e femminicidio. Le componenti di Donna Selvaggia vogliono promuovere un sentimento positivo, manifestando i propri pensieri e le proprie emozioni attraverso il movimento. Ispirate dal libro Donne che corrono coi lupi della psicoterapeuta americana Clarissa Pinkola Estés, queste donne intendono esprimere la forza femminile che vive dentro di loro. Ritornando alla natura, l’istinto profondo di una donna e di ogni sua azione sorge dalla necessità di affermarsi ed evocare ricordi.
In che modo, dunque, questa visione eterogenea prende forma nella compagnia? L’ampia varietà di età diverse si è rivelata una risorsa poiché le differenti generazioni hanno imparato ad ascoltarsi e a collaborare. Hanno condiviso emozioni e hanno creato legami. Per quanto riguarda la tecnica, il salto che le ballerine di formazione classica disegnavano seguendo una linea accurata non era lo stesso delle ballerine di danza popolare con le quali la coreografa ha lavorato al fine di svilupparne le abilità e creare inclusione.
Le diverse tecniche sono state utilizzate come una risorsa da sperimentare per ottenere eleganza e un nuovo vocabolario del movimento.
Risorse di varia natura, workshop sperimentali con scrittori, attori, pittori e musicisti hanno mantenuto viva l’esplorazione delle emozioni. La collaborazione con il gruppo musicale dei Bevano Est si è tramutato in un rapporto stabile. I musicisti del gruppo suonano per comunicare la propria individualità e le proprie emozioni, esattamente ciò che Giulia stava cercando. Insieme hanno creato una performance intitolata Pour Vous.

La danza è un’arte meravigliosa che ha il potere di usare l’eterogeneità per abbattere le barriere e creare inclusione sia da un punto di vista fisico che psicologico; un’esperienza che ogni essere umano dovrebbe avere la possibilità di vivere.